Alessandra Falci, Toto Venti, Donatello Polizzi e Tony Maganuco presenteranno le quattro serate della 26ma edizione del Festival città di Caltanissetta dal 26 al 29 aprile al Teatro Margherita. La manifestazione è stata presentata nel foyer del Teatro dagli organizzatori alla presenza dell’assessore Felice Dierna. Presidente di giuria sarà Angelo Valsiglio, produttore artistico di Laura Pausini, che verrà affiancato, tra gli altri, da Gianluca Giudici, produttore musicale e rappresentante del Festival di Castrocaro, manifestazione con cui il festival di Caltanissetta è gemellato.

Si partirà mercoledì 26 con il Festival Baby, nuova formula che consente la partecipazione di giovanissimi cantanti in erba. Giovedì e venerdì le semifinali dopo le quali i selezionati approderanno alla finale di sabato 29 aprile. Nonostante un contributo esiguo del comune, poco più di diecimila euro, la manifestazione mantiene un appeal nazionale e vedrà importanti ospiti tra cui il duo comico “I soldi Spicci”.

Ma le difficoltà nell’organizzazione del Festival sono state sottolineate in conferenza stampa da Tony Maganuco che ha annunciato che consegnerà al Comune il marchio ed i diritti del Festival al Comune di Caltanissetta.

Maganuco ha espresso amarezza per il disinteresse di tutta la classe politica, non solo del Comune, alle sorti del Festival Città di Caltanissetta che annovera un palmares di tutto rispetto per la caratura degli artisti che negli anni hanno calcato il palco.

“Il festival rappresenta la sconfitta dell’appartenenza alla città. Il comune sta intervenendo con una somma di 12.500 euro lordi, con questi soldi non si va lontano”. Il Festival città di Caltanissetta gode anche di sponsor privati ed è una delle poche manifestazioni in cui si paga un biglietto d’ingresso, facendo il pieno in teatro. Ma, come hanno spiegato gli organizzatori, quando la sponsorizzazione del Comune, o degli altri enti territoriali, è così esigua o inesistente risulta impossibile programmare l’intervento di ospiti di rilievo senza i quali anche gli sponsor vengono meno.

“Sono stanco – ha detto Tony Maganuco – perché quando parlo del festival sembra di dare fastidio, ma questa manifestazione non è mia, bensì per il percorso, i successi e il potenziale che ha, è una manifestazione della città, che così non può andare avanti”.

“Abbiamo rinunciato a ospiti che erano pronti a venire come Francesco Renga. Ma non è stato possibile così come non lo sarà nei prossimi anni. Forse perché non gliene frega niente a nessuno”.

“Io farò questa edizione che sarà un bel festival. Ma ogni giorno è stato una guerra. Un Festival nazionale non può essere trattato in questo modo. Non vedo un percorso da fare insieme e questo lo dico non solo al Sindaco ma a tutta la classe politica. La più bella iniziativa la ebbi con Michele Abbate. Mi sostenne a fronte di una sfida, con una diretta televisiva nazionale. Adesso è diventato un mercato. Questa classe politica non può fare così. Mettetevi nei panni di chi organizza, il Festival si può anche fare senza soldi ma per essere decente deve avere un supporto”.

Da qui la decisione: “Al termine del Festival ho deciso di consegnare al sindaco i diritti del festival e il marchio della manifestazione. Se possibile la questione dovrebbe essere portata in consiglio comunale affinché il Festival diventi della città. Nessuno del mondo politico ha voluto farsi carico di questa problematica, nonostante mi sia rivolto a tutta la politica”. Il riferimento è ad esempio ai fondi dell’ex tabella H che continua a sopravvivere sotto mentite spoglie alla Regione Siciliana e che finanzia tornei di bocce a 80 mila euro, mentre del Festival non c’è traccia.

“E’ un fallimento che questa Manifestazione non esista alla Regione dove ci sono tornei di bocce che ricevono 80 mila euro come a Cefalù. Se soldi non ci sono per la crisi, allora non ci sono per tutti, altrimenti significa che non ci sappiamo fare rispettare”.

Presente in conferenza stampa l’assessore Felice Dierna che ha ammesso le difficoltà in bilancio del Comune di Caltanissetta. Ascolta:

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento